vaschetta di gelato in una gelateria

Aprire una gelateria: tutto quello che c’è da sapere

Aprire una gelateria, in questo periodo storico in cui molte attività commerciali stentano a decollare, può rivelarsi una mossa molto più lungimirante rispetto a quella di aprire un’attività di ristorazione. Una gelateria ha, infatti, una fascia di clientela molto più ampia. Tanti sono gli elementi che possono permettere di far decollare la vostra attività: ovviamente qualità e professionalità sono la base ma, di fondamentale importanza, è l’ubicazione della struttura.

La scelta del luogo è un aspetto fondamentale. Preferire una zona centrale, un centro commerciale, una piazza di una grande città permette di poter arrivare ad un numero di persone più ampio. Aprire una gelateria in un piccolo paese, però, permette una maggiore attenzione ai dettagli e alla qualità, grazie anche ad una reperibilità di prodotti direttamente dal produttore. Ciò permetterà una qualità maggiore che potrebbe indurre le persone a spostarsi dai centri per venire a mangiare il gelato nella vostra gelateria.

Cosa serve per aprire una gelateria

Come aprire una gelateria? I requisiti per aprire una gelateria sono in particolar modo legati alla formazione e alla burocrazia. Per diventare gelataio è importante formarsi lavorando o frequentando un corso altamente professionalizzante di gelateria è indispensabile per chi vuole avviare un’attività di successo.

La burocrazia da seguire è lunga e i documenti per aprire una gelateria sono tanti:

  • presentare al comune, in cui si vuole aprire l’attività, la SCIA (una segnalazione di inizio attività);
  • bisogna essere in possesso dell’attestato di frequentazione del piano HACCP;
  • aprirsi una partita iva presso l’Agenzia delle Entrate;
  • regolarizzare le posizioni all’interno dell’attività di dipendenti e titolari presso l’INPS e l’INAIL;
  • provvedere alla registrazione dell’attività nel Registro delle Imprese presso la Camera di commercio;
  • fare una diversificazione per la denominazione della propria attività in base al servizio che si vuole offrire. Se si vuole dare la possibilità ai clienti di consumare il prodotto nella struttura l’attività non sarà solo una semplice gelateria ma un’attività di vendita e di somministrazione di cibi e bevande; se si vorrà inserire un laboratorio si avrà una gelateria artigianale di produzione.

Quanto costa aprire una gelateria

I costi per l’apertura di una gelateria variano a seconda della tipologia di gelateria che ci si vuole aprire. La prima scelta da fare, e la più importante, è quella di decidere se si vuole aprire una gelateria in proprio o se si vuole aprire una gelateria in franchising.

Aprire una gelateria artigianale di proprietà ha un costo che si aggira intorno ai 50 mila euro. Per chi, invece, volesse trovare l’appoggio di un’azienda già consolidata e volesse, quindi, aprire un franchising, la cifra può oscillare dai 20mila euro agli 80mila euro. La fascia di prezzo così ampia è dettata dall’importanza del marchio e dalla grandezza dell’attività. Aprire un franchising comporta, ovviamente, anche degli obblighi di pagamento verso l’azienda madre:

  • il free d’ingresso per l’utilizzo del marchio;
  • il royal tee, ovvero il pagamento di una percentuale, o mensilmente o annualmente, sull’incasso.

Allo stesso tempo, il pagamento di queste imposte impone all’azienda madre degli obblighi:

  • fornire i prodotti per la preparazione dei gelati;
  • occuparsi degli allestimenti secondo lo stile dell’azienda.
Tags: